Pareti divisorie: arredare con eleganza

Immaginate di poter separare o trasformare gli spazi della vostra abitazione o del vostro ufficio senza ricorrere a “mattoni e cemento”. Lo credete possibile? Ebbene, lo è.

In che modo vi starete chiedendo? Partiamo da tre semplici parole: adattamento, versatilità ed eleganza. Sono le parole chiave che vanno affermandosi come i “must” dell’interior design odierno. Il nuovo e frenetico stile di vita impone l’adattamento a nuovi modelli e nuove forme che possono essere facilmente reimpiegati in altri modi, senza rinunciare allo stile e all’eleganza.

Se volete trasformare e definire gli interni della vostra abitazione, con soluzioni leggere e di facile realizzazione, ecco qualche suggerimento per arredare senza rinunciare al confort.

Il design e la tecnologia hanno trasformato le vecchie pareti divisorie da funzionali ad elementi di arredo veri e propri, sofisticati, raffinati e facilmente “riciclabili”. Grazie alla pluralità di materiali, è possibile separare gli ambienti ottenendo risultati davvero sorprendenti e del tutto in armonia con le tendenze del momento.

Tante sono le soluzioni, dalla parete semi-fissa (facilmente smontabile e riutilizzabile altrove), a quella mobile in ferro e vetro, in cristallo o legno, al classico pannello in cartongesso (o legno) che permette di appendere quadri, televisori e quant’altro.

 

Se volete rendere il vostro appartamento elegante senza rinunciare alla luminosità, il vetro è senz’altro una buona soluzione: alleggerisce l’arredamento e conferisce quel tocco di modernità tanto in voga oggi. In genere si suggerisce questo tipo di soluzione per separare il living dalla cucina: in questo modo potrete mantenere l’idea di openspace, ma avrete ridefinito i due spazi a seconda dell’uso.

 

Interessante moda degli ultimi tempi è il ricorso ai mobili libreria: potremmo definirli come pareti divisorie “fittizie” per mettere una linea di demarcazione tra cucina e salotto, oppure tra la zona giorno e la zona notte nel caso di un monolocale. Se optate per questa soluzione alternativa, un mobile sufficientemente profondo potrebbe essere usato da un lato per mettere i vostri libri e dall’altro i ricettari: un uso double face che completa l’arredo di entrambe le aree.

 

Un pannello o una parete in cartongesso è sicuramente una soluzione più economica e più sfruttabile del vetro: se da un lato vi garantisce una netta divisione degli ambienti, dall’altro guadagnerete una parete che potrete sfruttare come meglio volete. Ad esempio, potreste dipingere l’intero pannello e creare una vostra opera artistica, oppure, potreste ricavare delle nicchie ed usarle come contenitori per piante e fiori e dare un tocco green alla vostra casa.

 

Come vedete, le soluzioni non mancano. Inventarsi nuove tipologie di pareti divisorie può essere anche un momento creativo e divertente.

Serena Brini

Amo viaggiare in posti poco conosciuti, andare al mare la mattina presto ed arredare la mia casa con oggetti provenienti da diverse parti del mondo. Appassionata da sempre di web e social media marketing, adoro tutto ciò che riguarda la creatività. PreventivoFacile mi ha permesso di unire le mie grandi passioni, l’amore per la scrittura e la possibilità di diffondere i contenuti attraverso la rete. All’interno di questo blog vi darò tantissime idee creative, spunti interessanti e pratici consigli per vivere al meglio e rendere sempre più bella e confortevole la vostra casa!

Segui Serena Brini su Google+
Leggi altri articoli di Serena Brini

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Vota:

Vuoi costruire una parete divisoria?


Ricevi fino a 5 preventivi GRATIS

Hai un'azienda?
Registrati ora per trovare nuovi clienti

GRATIS e senza impegno

Ultimi preventivi richiesti

Potrebbero interessarti anche: