Impianti di allarme, su quali puntare? Differenze e consigli.

Fanno capolino le belle giornate e già si avverte la voglia di vacanza. Purtroppo però, con le vacanze, tornano come compagni inseparabili anche i furti in appartamento.

Da sempre, infatti, la casa incustodita è sinonimo di una ghiotta opportunità per i furti in appartamento, che sono aumentati nell’ultimo anno con una media del 28% (dati Confabitare).

Ora più che mai, dunque, si è reso necessario difendersi dal ladri e dotare la propria abitazione di un impianto d’allarme efficace e certificato.

In questo campo, tuttavia, è facile incappare nella scelta sbagliata, rischiando di spendere inutilmente dei soldi e di non essere sufficientemente protetti. 

Come scegliere quindi il miglior impianto d’allarme?

Ecco alcuni consigli di Preventivofacile.it.

Anzitutto, gli impianti d’allarme sono generalmente costituiti da 3 elementi: la centrale, i rilevatori e i dispositivi d’allarme.

Questi ultimi possono funzionare in modi diversi, che vanno dalle classiche sirene al collegamento diretto con istituti di vigilanza.

Gli impianti d’allarme si dividono tradizionalmente in due tipologie, sulla base delle diverse modalità operative:

1)     Perimetrali: in questo caso l’allarme è a difesa del perimetro abitativo, il che significa che scatterà ogni qual volta un intruso si introdurrà nell’appartamento dalla finestra o dalla porta, o semplicemente tenterà di forzarle.

2)     Volumetrici: qui l’allarme è situato all’interno della casa e sarà in grado di rilevare la presenza di intrusi grazie al movimento o al calore corporeo.

Tuttavia, non è questa l’unica distinzione sulla base della quale si possono classificare gli impianti di allarme.

Generalmente si distingue tra allarmi via cavo elettrico ed allarmi via onde radio.

Gli allarmi via cavo elettrico (o cablato) sono molto utili dal punto di vista dell'attivazione, in quanto è sufficiente che il ladro tagli uno dei fili per farlo scattare: la loro struttura, inoltre, alimentata grazie ad un circuito a bassa tensione, li rende particolarmente efficaci. La controindicazione più grande per questi sistemi è quella di avere dei costi abbastanza elevati, visto che spesso necessitano di opere in muratura o di integrazioni con l’impianto elettrico esistente.

Gli allarmi via onde radio sono meno costosi e più semplici da installare.
Comunicano tra di loro tramite un sistema wireless e funzionano grazie a batterie a lunga durata. Si tratta di una struttura molto dinamica, che può essere anche facilmente spostata da un’abitazione all’altra.
Gli impianti di questo tipo hanno il difetto che, trattandosi di onde radio e non di cavi, può capitare che il segnale sia disturbato e che la comunicazione tra un apparecchio e l’altro non funzioni perfettamente.

Da non sottovalutare anche gli impianti misti, i quali associano una parte cablata (generalmente sirene e centralina) ad una ad onde radio.

Infine esistono anche impianti di tipo integrato, ossia quelli che integrano sistemi di protezione passiva (come l’antifurto generalmente inteso) a quelli di protezione attiva (ad esempio porte blindate, serrature elettroniche, ecc...).

Ad ogni modo, quando si decide di installare un impianto di allarme nella propria casa, ciò di cui è assolutamente necessario preoccuparsi è rivolgersi a ditte specializzate che siano in grado di rilasciare la certificazione al termine dei lavori.

Tutti i dispositivi che compongono l’impianto d’allarme, infatti, devono possedere la certificazione IMQ e devono essere conformi alle norme CEI (Comitato Elettronico Italiano).

Molte ditte installatrici stipulano un contratto di manutenzione con l’utente, che permetterà la verifica del corretto funzionamento dell’impianto e l’analisi dello stato di operatività dello stesso. Questo genere di accordo è particolarmente importante per garantire un rapporto con gli installatori duraturo nel tempo e per mantenere quindi la piena efficienza del sistema di allarme.

Serena Brini

Amo viaggiare in posti poco conosciuti, andare al mare la mattina presto ed arredare la mia casa con oggetti provenienti da diverse parti del mondo. Appassionata da sempre di web e social media marketing, adoro tutto ciò che riguarda la creatività. PreventivoFacile mi ha permesso di unire le mie grandi passioni, l’amore per la scrittura e la possibilità di diffondere i contenuti attraverso la rete. All’interno di questo blog vi darò tantissime idee creative, spunti interessanti e pratici consigli per vivere al meglio e rendere sempre più bella e confortevole la vostra casa!

Segui Serena Brini su Google+
Leggi altri articoli di Serena Brini

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Vota:

Vuoi installare un impianto di allarme?


Ricevi fino a 5 preventivi GRATIS

Hai un'azienda?
Registrati ora per trovare nuovi clienti

GRATIS e senza impegno

Ultimi preventivi richiesti

Potrebbero interessarti anche: