Decoupage: 5 consigli per liberare la propria fantasia

Hai presente quella vecchia sedia di legno che non sai bene da quanto tempo sia lì, sai solo che non la puoi più vedere? Perché buttarla quando puoi farla diventare la tua sedia?

Con il decoupage si può recuperare tutto o quasi, permettendo alla propria fantasia di sbizzarrirsi come vuole. Lo avevano capito molto prima di noi i nostri avi, quando già a partire dal XII secolo iniziarono ad usare questa tecnica per abbellire le pareti e la mobilia.

Fare decoupage è semplice, basta avere carta, colla vinilica, un taglierino o delle forbici, ma soprattutto tanta creatività e anche il mobile che ti sembra più brutto o anonimo può trasformarsi in un autentico oggetto d’arredo. Insomma è l’arte della personalizzazione. E se hai bisogno di qualche spunto per darti il là, noi di preventivofacile.it abbiamo pensato a qualche consiglio.

1)     Cosa vuoi rinnovare? Non c’è una regola fissa, ma cerca sempre di stabilire se l’oggetto che stai abbellendo dovrà mantenere il ruolo per cui era stato pensato o dovrà diventare qualcos’altro. Ad esempio, è difficile fare di una sedia, di una mensola o di un tavolo qualcosa di diverso. Pentole e tegami usati invece possono diventare ottimi vasi e sottovasi, mentre le vecchie tazze si prestano perfettamente al ruolo di salvadanai, portapenne o portagioie. Anche le vecchie scatole da scarpe possono trovare una nuova vita nel tuo bagno o in camera da letto.

2)     Occhio allo stile. Tieni sempre presente il locale nel quale collocare i tuoi oggetti abbelliti e decorati grazie al decoupage. Se la stanza ha un tema floreale ed i colori dominanti sono il bianco e il lilla, cosa c’entra un una sedia a scacchi neri e blu?

3)     Non solo carta. Generalmente per il decoupage si è soliti usare la carta da parati (soprattutto per le superfici più ampie) o la carta da regalo. Tuttavia non c’è limite alla fantasia e così non è raro trovare splendidi lavori con composizioni floreali essiccate che sono sempre in grado di donare un tocco di natura alla casa. Qualcuno è andato oltre ed ha pensato di “abbellire” la sua mobilia con la sua collezione di insetti, ma direi che siamo un po’ borderline, non esagerare. Magari vuoi le tue migliori foto sempre con te? Perché non stampare le tue foto e poi farle diventare il perfetto rivestimento per un portagioie o un vecchio tavolo? I tuoi ricordi saranno per sempre sotto ai tuoi occhi e potrai mostrare agli ospiti il tuo talento.

4)     I disegni dei bimbi. Perché non coinvolgere i vostri figli, magari per far loro arredare la cameretta? Nulla è più simpatico di un bel disegno del vostro bambino per dare colore e vivacità ad una stanza.

5)     Passatempo per famiglie. Utilizzare il decoupage per coinvolgere tutta la famiglia, può trasformarsi in un momento da trascorre in compagnia per divertirsi ed avere un po’ di svago. Coinvolgi i familiari nel tuo slancio creativo, sarà più divertente creare assieme ed il risultato piacerà certamente a tutti.

Tutt’altro che difficile, no? E se poi ti stanchi puoi cambiare di nuovo o ricominciare con un nuovo oggetto. Del resto non c’è limite alla fantasia.

Serena Brini

Amo viaggiare in posti poco conosciuti, andare al mare la mattina presto ed arredare la mia casa con oggetti provenienti da diverse parti del mondo. Appassionata da sempre di web e social media marketing, adoro tutto ciò che riguarda la creatività. PreventivoFacile mi ha permesso di unire le mie grandi passioni, l’amore per la scrittura e la possibilità di diffondere i contenuti attraverso la rete. All’interno di questo blog vi darò tantissime idee creative, spunti interessanti e pratici consigli per vivere al meglio e rendere sempre più bella e confortevole la vostra casa!

Segui Serena Brini su Google+
Leggi altri articoli di Serena Brini

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Vota:

Vuoi un preventivo?
Inizia adesso!


Ricevi fino a 5 preventivi GRATIS

Hai un'azienda?
Registrati ora per trovare nuovi clienti

GRATIS e senza impegno

Ultimi preventivi richiesti

Potrebbero interessarti anche: