Nuovo Bonus Mobili 2016 per le coppie under 35

La novità, indirizzata ad agevolare l’arredamento della prima casa delle giovani coppie, è stata introdotta con la nuova Legge di Stabilità e sarà efficace a partire dal primo gennaio 2016.

Apparentemente vantaggiosa, rischia in realtà di essere un vero e proprio bluff, in quanto implica numerosi vincoli da rispettare ed esclude gran parte dei giovani italiani.

Ma vediamo meglio di cosa si tratta e come fare per ottenere questi incentivi.

La misura prevede un bonus per l’acquisto di mobili per le coppie in cui almeno uno dei due componenti abbia meno di 35 anni: il tetto di spesa su cui dovrà essere calcolata la detrazione Irpef del 50% è fissato ad 8mila euro.

La differenza sostanziale sta nel fatto che, se fino ad ora l'agevolazione fiscale sugli arredi era vincolata alla presenza della detrazione per ristrutturazione edilizia, adesso per le giovani coppie il beneficio potrà essere applicato anche solo con l'acquisto della prima casa, a patto che questo si realizzi nel 2016. A questi vincoli, si aggiunge la necessità di dimostrare che i giovani siano già sposati o conviventi da almeno 3 anni: non è valida, quindi, per coloro che decidono di andare abitare insieme nell’immediato o nei prossimi anni. L’unica vera miglioria, dunque, è che le coppie under 35 vengono svincolate dall’obbligo della ristrutturazione edilizia, a cui era legato il Bonus Mobili.

L’Ecobonus ed il Bonus per la Ristrutturazione Edilizia, già attivi nel 2015, vengono estesi anche al 2016, come già avevamo detto in un nostro precedente articolo: anche il prossimo anno, quindi, chi interverrà sulla ristrutturazione o sulla riqualificazione energetica dell’abitazione potrà usufruire di detrazioni fiscali che vanno dal 50 al 65%. Verrà prorogato, inoltre, il Bonus Mobili che, a fronte di una spesa fino a 10 mila euro, premia con uno sgravio fiscale del 50% chi, beneficiando già della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio, acquista mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A + (A per forni); prorogate, inoltre, le detrazioni per gli interventi di bonifica dell’amianto .

La formulazione della nuova norma sul Bonus Mobili per gli under 35, dunque, non appare molto vantaggiosa per i potenziali beneficiari: prima di tutto perché comprende solo i mobili di arredo, escludendo gli elettrodomestici; in secondo luogo perché riduce l’importo massimo recuperabile nella dichiarazione dei redditi dei successivi 10 anni ad 8mila euro, contro i 10mila euro del Bonus ordinario.

Il deficit maggiore di questo incentivo rimane comunque il target di riferimento: le giovani coppie che decideranno di comprare casa nel 2016 dovranno dimostrare di avere già 3 anni di convivenza o di matrimonio alle spalle, chiaramente documentabili; resterebbero esclusi, inoltre, i conviventi ed i coniugi che già vivono in una casa di proprietà. Per questi ultimi, quindi, non rimane che tentare di sfruttare il Bonus Mobili ordinario, sempre a patto che effettuino una ristrutturazione.

Teresa Miranda

Responsabile Marketing di Preventivofacile.it, adoro cucinare, leggere e ascoltare ogni tipo di musica. Dopo una formazione in campo economico, mi sono appassionata al web e alle strategie di marketing online. Nel blog di PreventivoFacile scrivo articoli e guide su come vivere al meglio la propria casa, soffermandomi in particolar modo sui servizi utili per gli utenti e sugli incentivi che imprese e cittadini possono utilizzare per risparmiare.

Segui Teresa Miranda su Google+
Leggi altri articoli di Teresa Miranda

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Vota:

Vuoi ristrutturare o arredare la tua casa?


Ricevi fino a 5 preventivi GRATIS

Hai un'azienda?
Registrati ora per trovare nuovi clienti

GRATIS e senza impegno

Ultimi preventivi richiesti

Potrebbero interessarti anche: